PROGRAMMA

 

Ludwig van Beethoven (1770 - 1827)

Sonata per violino e pianoforte n. 3 in mi bemolle maggiore, op. 12 n. 3

 

Robert Schumann (1810 - 1856)

Sonata n. 2 per violino e pianoforte in re minore "Grosse Sonate", op. 121

 

Robert Schumann

Märchenbilder, op. 113

Quattro pezzi per viola e pianoforte

 

Dmitri Shostakovich (1906 - 1975)

Sonata per viola e pianoforte, op. 147

Isabelle van Keulen, violino

”La limpida intelligenza musicale e la forza  espressiva del suo suono, unite ad una raffinata ed istintiva predisposizione alla ricerca degli angoli più delicati del pensiero musicale, determinano la qualità delle sue performance… magia assoluta.” The Guardian Sin dal 1984, anno in cui  vinse il premio della BBC come miglior giovane musicista dell’anno, concorso trasmesso da tutte le principali emittenti radiotelevisive europee e seguito da milioni di telespettatori, Isabelle van Keulen può ora rivisitare il proprio percorso artistico, arricchitosi e alimentatosi nel tempo attraverso diversi percorsi. Non solo l’onestà intellettuale del suo approccio al pensiero del compositore, la limpidezza delle sue interpretazioni, ma anche il suo continuo impegno per una sempre più efficace comunicazione con il proprio pubblico e i propri partners sulla scena, gli consentono oggi di far musica ad un grado di ispirazione e di entusiasmo al più alto livello. La sua versatilità artistica gli permette  di presentarsi anche con la viola con la stessa energia e nelle più svariate combinazioni cameristiche. Da vent’anni Isabelle van Keulen collabora stabilmente con il pianista olandese Ronald Brautigam e spesso anche con la mezzosoprano Christianne Stotijn e l’Orchestra da Camera Norvegese. E’ stata la fondatrice del Festival di musica da camera di Delft in Olanda, diretto dal 1997 al 2006. Spesso tiene masterclass e concerti solistici con orchestre quali  la Royal Concertgebouw Orchestra, Berlin Philharmonic, NHK di Tokyo, Thonalle di Zurigo, Gewandhaus di Lipsia, Bayerischer Rundfunk. Alcuni importanti compositori contemporanei gli hanno dedicato i loro concerti per violino (Theo Loevendie, Erkki-Sven Tüür) e diversi sono i concerti di celebri compositori di questo secolo e del 900 entrati ormai nel suo repertorio: i concerti di Henri Dutilleux, John Adams, Lera Auerbach, Oliver Knussen e Brett Dean. L’inteprete esegue anche opere meno frequentate quali ad esempio i concerti di Colin Matthews, di Krenek, Pettersson e Busoni. Isabelle van Keulen ha al suo attivo una ricchissima discografia, nel cui catalogo sono entrati recentemente anche il concerto di Berg (Chandos), un Cd con le sonate di Strauss, Rota e Respighi (Channel Classics), il quintetto con clarinetto di Mozart con Sharon Kam (Berlin Classics) e le variazioni Goldberg di J.S.Bach con il Leopold String Trio (Hyperion). Dall’autunno 2012 l’artista è professore di violino, viola e musica da camera all’Università delle arti di Lucerna.  Suona un violino Guarneri del Gesù del 1734 e una viola costruita dal liutaio di Monaco Peter Erben.

 

ISABELLE VAN KAULEN

Ronald Brautigam, pianoforte

Ronald Brautigam, interprete olandese fra i più apprezzati internazionalmente, si è affermato non solo per il suo virtuosismo e la sua musicalità ma anche per i suoi eclettici interessi musicali. Compiuti gli studi al Conservatorio di Amsterdam, il pianista si è perfezionato a Londra e negli USA con Rudolf Serkin, ottenendo nel 1984 il più alto riconoscimento olandese nell’ambito musicale, il “Nederlandse Muzikpreis”. L’inteprete è stato ospite di moltissime orchestre tra le quali si ricordano quelle del Concertgebouw, la London Philarmonic, l’Orchestra Filarmonica di Strasburgo, la Rundfunk- Sinfonieorchestrer di Berlino, l’Orchestre National de France, collaborando con direttori quali Riccardo Chailly, Emanuel Krivine, Christopher Hogwood, Philippe Herreweghe, Charles Dutoit. Nel corso della stagione 2015/16 l’artista si esibirà con la Sidney Symphony Orchestra, la BBC Scottish Symphony, le Orchestre Sinfoniche di Praga e Basilea, la Gulbenkian Orchestra e l’Orchestre de Picardie. Brautigam è universalmente apprezzato anche come fortepianista,  e in questa veste ha suonato con il Concerto Copenhagen, l’Orchestre des Champs-Elysées, la Wiener Akademie, l’Orchestra del XVIII secolo. A partire dal 1995 l’interprete ha iniziato una fruttuosa collaborazione con la casa discografica svedese BIS, con la quale ha inciso tutta l’opera pianistica di Mozart e Haydn su pianoforte e i concerti di Beethoven con l’orchestra Norrkoping, diretta da Andrew Parrot. Nel 2004, la sua registrazione in 15 CD dell’opera pianistica di Beethoven, è stata salutata  dalla critica discografica internazionale come un punto di riferimento per questo autore, tanto da far dire alla rivista Fanfare che le interpretazioni beethoveniane di Brautigam rappresentano la miglior  rilettura del pensiero di  Beethoven sugli strumenti a tastiera oggi a nostra disposizione. Per Decca il pianista ha registrato i concerti di Schostakovic, Hindemith e Frank Martin con Riccardo Chailly e l’orchestra del Concertgebouw di Amsterdam. La sua ampia discografia è stata premiato con due Edison Awards, un Diapason d’Or, un MIDEM Classic Award a Cannes nel 2010 e la sua incisione delle Bagatelle di Beethoven gli è valso il Deutschen Schallpattenkritik in Germania. Attualmente Ronald Brautigam è Professore alla Musichochschule di Basilea. 

 

RONALD BRAUTIGAM